Menu Principale

Video intervista a Sifu Franco Regalzi

NewBushido: ci da una sua definizione di Wing Chung?
Sifu Regalzi: Wing Chun significa primavera perenne, primavera radiosa,primavera eterna, e sta a indicare un sistema che può aiutarti a imparare sempre nel corso della vita, come un bambino piccolo, per rimanere sempre giovane … Wing Chun per me è uguale a vitalità

NewBushido: Il Wing Chun è uno degli stili maggiormente usati a scopo di difesa personale soprattutto tra gli stili cinesi, secondo lei per quale ragione? e più in generale qual è la sua opinione sulla difesa personale?

Sifu Regalzi: Be, ritengo che il Wing Chun sia un sistema molto pratico, diretto e quello che fai in palestra fai effettivamente anche in caso di bisogno, ma penso che ci sia anche una forte influenza da parte della moda, per cui oggi giorno molte persone si rivolgono al Wing Chun, forse a causa di Bruce Lee o cinema ... non so, magari di qui a qualche anno la moda cambierà e cambieranno anche i flussi verso qualche altra cosa. La mia opinione in merito alla difesa personale? Be io penso che così come si intende comunemente sia una grossa illusione, penso che non abbia nessun senso pensare che difesa personale sia abituarsi a difendersi su un pugno: fai così ... fai così .... fai così (ndr. accenna qualche tecnica con allievo) NO non funziona in questo modo, forse ti può far fare bella figura con gli amici. ma quando esci dalla palestra lasci tutto li, perché non c'è nessun esercizio in gioco che ti abitui a quello che io ritengo molto importante: PANICO. Quindi la difesa personale per me è un discorso molto più ampio, e significa fare qualcosa che ti aiuti innanzi tutto a sviluppare fiducia in te stesso, dopo di che, ti abitua ad agire in maniera meno stupida possibile di fronte i problemi del quotidiano, problemi di lavoro, problemi di famiglia e anche, se capita una lotta. Il problema secondo me in merito al Wing Chun è che la gente pensa troppo alla lotta, mentre il Wing Chun è un sistema che ha ben poco a che vedere con la lotta, non è uno sport di combattimento, Wing Chun non vuole lottare, d’altronde io non ho mai visto nessuno che lotta così (ndr. accenna Siu Lim Tao) non ho mai visto nessuno che lotta così (ndr. accenna Chi Sao) tutte queste sono forme di esercizio molto sofisticate che tendono a darti qualcosa di molto più importante, che di riflesso, di conseguenza ti aiuterà anche in uno scontro, ma la cosa più importante è fare qualcosa che ti abitua di fronte a un problema a non far parte di un problema ma a risolverlo.

NewBushido: A lei non piace essere chiamato maestro, e in un panorama italiano il cui numero dei maestri ha quasi superato quello degli allievi, la cosa è abbastanza sconcertante. Ci spiega le ragioni?
Sifu Regalzi: Moda? Non lo so veramente,ci sto pensando da tempo, non ho mai capito come mai ci sono più persone intenzionate a insegnare che non a imparare, penso che sia dettato dalla moda e dall'esigenza delle persone di voler insegnare a tutti i costi per non so quale motivo, naturalmente la conseguenza di questo è un disastro per il Wing Chun, e quindi per il futuro se le cose vanno avanti in questo modo non la vedo bene affatto.
Ai miei tempi quando cominciai i Sifu nel mondo si potevano contare sulle dita delle mani, ed erano tutti molto conosciuti,adesso è vero, oggigiorno è molto più facile incontrare maestri che non studenti, e questo è chiaramente un disastro.
Per quanto mi riguarda non amo essere chiamato Maestro per un semplice motivo, non lo ritengo necessario, se qualcuno mi chiama Sifu tra i miei ragazzi lo fa non perche io mai gliel'ho imposto ma perche si sente di chiamarmi così, è come il rispetto, non di può pretendere, lo si guadagna.
Un Sifu è uno che ha fatto tutti gli errori possibili almeno tre volte, secondo la tradizione, e deve essere una persona che è in grado di aiutarti, di trasmetterti non solo la tecnica del sistema ma aiutarti a capire, a tirare fuori il genio che c'è dentro ognuno di noi, e questo è un compito non facile che richiede un lavoro continuo tra insegnante e allievo, e un tipo di rapporto direi familiare, e per questo che si usa il termine Padre, o Sifu, oggigiorno nelle così dette palestre di Wing Chun è solo un modo per seguire una tradizione che non porta da nessuna parte.

NewBushido: Ci risulta che nelle sue palestre il clima sia molto informale, niente uniformi, saluti ossequiosi, gradi ecc.. il che è una cosa molto rara nel mondo del Wing Chun, anzi per essere precisi è raro nel Wing Chun occidentale. Questo aiuta la pratica? e se si in che modo?
Sifu Regalzi: Bene, io sono così perche così sono cresciuto, così era nei posti dove sono stato ad imparare, a studiare, non conosco un altro modo, e strada facendo ho scoperto l'importanza di lavorare in un modo informale ma dinamico, le divise non hanno nessun motivo di esistere, così come i gradi, le cinture o i diplomi, non penso proprio che per esempio Wong Shun Leung avesse dei diplomi, e neanche Yip man aveva diplomi, non sono mai esistiti e non esistono nella mia scuola.
Lavorare in modo dinamico e informale significa sviluppare quella confidenza, quell'amicizia tra le persone del Kwon, tra le persone che allenano nella scuola, che permette di dare il massimo durante l'allenamento, perché un lavoro come quello che si fa nel Wing Chun, parlando di Chi Sao per esempio, richiede molta confidenza, richiede una forte amicizia, in caso contrario, se ci sono tensioni, diventa una rissa e nessuno impara niente. Ecco perché penso che sia importante che il Kwon sia informale, dinamico, e ci sia questo rapporto ... questa quasi famiglia ....questa amicizia grande tra tutti i componenti, insegnante compreso, che deve mescolarsi tra di loro, non deve elevarsi su un piedistallo. Se ci sono queste premesse la pratica sarà buona, sarà sincera e quindi darà i suoi frutti.

NewBushido: A cosa servono le forme nel sistema Wing Chung?
Sifu Regalzi: Le forme in ogni attività umana .... la forma è quella cosa che è sempre esistita o è stata creata ad hoc per sviluppare una determinata funzione, quindi ogni forma del sistema serve a creare una funzione del praticante, e quando ci sono .... per così dire quando il praticante ha finito il sistema, ha completato tutte le forme, quindi in teoria, in teoria, ha tutto il necessario per poter cominciare, quando uno ha finito il sistema è li che inizia a praticare veramente, e a sviluppare la reale abilità, quindi ogni forma serve a sviluppare una funzione, da Siu Lim Tao a
Chum Kiu, a Biu Jee, una funzione meccanica, e sviluppare dei concetti del sistema, che poi vengono messi in pratica in un altra forma di lavoro denominata Chi Sao.

NewBushido: Spesso nel Wing Chun si discute sull'energia interiore, il cosiddetto 'chi', alcuni sostengono che esiste, altri che non esiste, altri ancora che esiste ma non è fondamentale. Qual è la sua opinione in merito?
Sifu Regalzi: Strana domanda, comunque, io non ho mai sentito parlare quando imparavo Wing Chun .... e comunque la mia opinione è che il Chi esiste sicuramente se si pensa ad esso come la naturale energia che tiene in vita ogni forma vivente, naturalmente ci possono essere esercizi che possono aiutare a coltivarlo, a mantenerlo, a dirigerlo meglio, ma non è niente di magico, è semplicemente l'energia che ti tiene in vita, quella forza, quella fiamma che c'è dentro ogni essere vivente. Sicuramente avrete sentito parlare di casi tipo quella mamma che improvvisamente solleva un automobile perché c'è il proprio figlio sotto, quelle sono evidenti dimostrazioni di Chi, quella forza interiore che c'è dentro le persone che in condizioni normali, senza un certo tipo di stress uno non immaginerebbe mai di poter fare. Quindi io penso che sia una cosa non legata esclusivamente alle così dette Arti Marziali o al Wing Chun, ma penso che sia dentro ognuno di noi, e per quanto riguarda la combinazione Chi e Wing Chun, sicuramente ci può essere ... ma io credo che venga naturalmente con la pratica, una cosa che uno sente con il tempo, difficile parlare di una cosa così in termini tecnici, non penso che sia possibile, ma penso che si ... sicuramente esiste, esiste dentro ogni creatura che vive fin da quando nasce, si può esercitarsi, si può fare qualcosa nella vita per coltivare questa forma di energia, se non magari avanti con gli anni, come una fiamma va via via a spegnersi, e quindi penso che il Wing Chun possa contribuire in questo, e un esempio lo troviamo in Siu Lim Tao, la prima forma .... Siu Lim Tao può essere definita una forma che serve a coltivare questo Chi, questa energia, a patto che sia fatta molto lentamente e che non duri meno di mezz'ora ... questo è quello che penso.

NewBushido: Uno degli scopi delle arti marziali è sicuramente la crescita personale, in che modo e Wing Chun può aiutare in questo?
Sifu Regalzi: Qualsiasi individuo da quando nasce, comincia la sua crescita personale, che è fatta di esperienza, e ogni persona reagisce in un certo modo a seguito delle esperienze che ha.
Wing Chun può aiutare, perchè ti aiuta sviluppare una maggior fiducia in te stesso e la prima cosa è avere fiducia in se stessi.
Wing Chun ti può aiutare, perchè ti mette difronte a uno specchio e si vede esattamente come sei, ti abitua ad accettarti, per poi migliorarti.
Wing Chun ti può aiutare, perchè nella pratica costante tu controlli costantemente i tuoi miglioramente, i tuoi miglioramenti come individuo.
Wing Chun ti può aiutare, perchè sviluppa nel praticante la capacità profonda di comprendere gli avvenimenti, di comprendere le persone anzichè giudicare, e di conseguenza comprendi meglio te stesso, e affronterai meglio i problemi dell'esistenza.
Quindi penso SI.

NewBushido: Ci può descrivere una sua tipica sessione di allenamento?
SifuRagalzi: Ok, normalmente durante la classe, usiamo tutti gli strumenti che il Wing Chun ci mette a disposizione, per esplorare le nostre abilità, e lo scopo principale è vedere come tutti quanti si interfacciano difronte ai problemi che incontrano durante la pratica, come reagiscono, e ogni tanto si ferma la classe, appunto perchè magari ci può essere una persona che da uno spunto di discussione, e si lavora su un punto, un pò come un meccanico che sente il rumore del motore di una macchina, la prova, sente che c'è qualcosa che non è perfetto, torna in officina, apre il cofano, smonta un pezzo, lo controlla lo pulisce, lo rimette al suo posto e poi torna a fare un giro con la macchina. Noi operiamo allo stesso modo, smontiamo un pezzo del sistema, lo controlliamo e poi di nuovo lavoriamo con tutti gli strumenti che il Wing Chun ci da, l'importante durante la classe è che tutti quanti sviluppino la propria abilità, senza tentare di imitare un altro, e quindi questo richiede un lavoro attento delle persone su quelle che sono le proprie reali abilità e le prorpie reali capacità, perchè ripeto, l'iportante nel Wing Chun è sviluppare la propria abilità, il proprio genio, e ricordarsi che Wing Chun è un nome, è solo uno strumento, Wing Chun è solo un nome, importa molto meno che l'essere umano che lo pratica.

NewBushido: Che cos'ha in programma l'EWCA (European Winf Chun Assosiation)per il prossimo futuro?
Sifu Regalzi: L'associazione è nata con lo scopo di salvaguardare il nostro Wing Chun e creare delle scuole future che siano valida, perchè io e quelli della mia generazione rappresentimo un ponte tra un passato che non esiste più e le nuove generazioni che non l'hanno vissuto, quindi è nostro dovere trasmettere ciò che conosciamo, ciò che abbiamo vissuto, e creare delle scuole per non dimenticare.